Polpett de verz

Polpett de verz

Ecco una ricetta molto molto molto lombarda. Scordatevi di mangiare questo piatto -buonissimo- se non in casa di amici con forti tradizioni lombarde, non si trova nei ristoranti, è un piatto di casa, da cene in famiglia, di quelli che pippiolano amabilmente sulla stufa richiamando il vicinato con il profumo. Oppure preparatelo voi, qualche grasso animale di troppo, ma ogni tanto si può sgarrare! e se esco dalla retta via mi piace farlo con gusto, non per porcherie industriali…
Si dovrebbe preparare con gli avanzi di lesso o di arrosto, in mancanza dei quali si può usare la carne trita.
Se avanza ripieno o se in casa c’è un bambino tre-enne che è in fase “pasta all’olio e stop” si possono preparare delle polpettine e cuocerle insieme alle foglie farcite.
Sono ottime anche il giorno dopo, si possono tranquillamente preparare in anticipo.

Provato da gusto.logg

Per 8-10 persone
200 g di salsiccette (i “verzini”)
200 g di carne trita di manzo
200 g di trita di maiale magra (io trito la lonza o la polpa della coscia)
50 g di parmigiano
la mollica di uno-due panini, o fette di pane, bagnate nel latte
un uovo
10-15 foglie di verza grandi
un bicchiere di salsa di pomodoro
1 cipolla
sale e pepe

Preparate salsiccia, carne e pane...

Preparate salsiccia, carne e pane...

Ammollate il pane, strizzatelo e sminuzzatelo. Tritate le carni, amalgamate ed eventualmente ripassando tutto insieme (pane compreso) nel tritacarne.

... e impastatele dopo averle passate nel tritacarne

... e impastatele dopo averle passate nel tritacarne

Scottare le foglie della verza intere, dopo aver tolto la parte più dura della costola centrale. Su metà foglia mettere una porzione di ripieno, ovale e leggermente appiattita e avvolgere. Legare con spago da cucina. Nel mio caso gli involtini erano tutti diseguali, ma potete far di meglio con un pò più di pazienza! in ogni caso nessuno li ha lasciati perchè diseguali…

Legate gli involtini con spago da cucina

Legate gli involtini con spago da cucina

Mettere in padella con cipolla tritata finemente, carota tritata fine, una o due bacche di ginepro, e far rosolare. Aggiungere quindi un bicchiere di salsa di pomodoro e un bicchiere di acqua, salare e lasciar cuocere piano piano, nel mio caso sulla stufa, per un’oretta, con il coperchio, girando di tanto in tanto. Sono pronte quando il sughetto è ben addensato.

Cuocere per circa un'ora

Cuocere per circa un'ora